Contestazioni per assenza di istruzioni scritte a bordo del mezzo

Newsletter 2/2020

La polizia stradale eleva con sempre maggior frequenza verbali di contestazione  per la mancanza a bordo camion di idonee istruzioni scritte relative alla esecuzione della specifica prestazione di autotrasporto.

Le istruzioni scritte sono necessarie per verificarne la compatibilità con le norme sulla sicurezza stradale e sociale.

La legge prevede: “Quando il contratto di trasporto non sia stato stipulato in forma scritta gli organi di polizia stradale che hanno accertato la violazione da parte del conducente del veicolo con cui è stato effettuato il trasporto, dei limiti di velocità o la mancata osservanza dei tempi di guida e di riposo , verificano la compatibilità delle istruzioni scritte fornite dal vettore in merito alla esecuzione della specifica prestazione di trasporto, con il rispetto della disposizione di cui è stata contestata la violazione. Le istruzioni devono trovarsi a bordo del veicolo e possono essere contenute nella documentazione di trasporto (DDT, e documenti di accompagnamento merce, lettera di vettura etc). In mancanza delle istruzioni a bordo, al vettore ed al committente si applicano le sanzioni amministrative pecuniarie previste per le violazioni contestate al conducente. Le stesse sanzioni sono altresì applicate al vettore ed al committente quando le istruzioni di trasporto sono incompatibili con il rispetto delle predette norme… Ai fini dell’accertamento di responsabilità sono rilevanti le violazioni delle seguenti disposizioni : art. 61 sagoma limite, art 62 massa limite; art. 164 sistemazione del carico sui veicoli articolo 174 durata della guida degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone e cose

Su queste basi sono stati elevati numerosi verbali di contravvenzione in cui in prima battuta viene contestato il mancato rispetto in capo al vettore  ad esempio dell’art 142 codice della strada (limiti di velocità) e al committente nell’ambito della responsabilità condivisa tra gli operatori della filiera del trasporto, la violazione dell’art 7 comma 4 e 6 della dlgs 286 per la mancanza di istruzioni a bordo mezzo con riferimento al comma 6 del medesimo articolo 7.

Si può fare opposizione al verbale avanti al Giudice territorialmente competente, in assenza della possibilità di esibire la documentazione alle autorità in una fase successiva all’accertamento.

Ma come si fa a prevenire l’elevazione dei verbali?

  • La soluzione più completa e tutelante che proponiamo ai nostri clienti resta sempre la redazione di uno specifico accordo quadro scritto tra committente e vettore che regolamenti nello specifico le competenze di ciascuno; occorre che venga evidenziato al vettore di istruire all’uopo gli autisti in modo che tutto il personale viaggiante abbia la documentazione idonea a bordo camion e in caso di contestazione/violazione di uno degli articoli del codice della strada vigente, detto personale sia in grado di esibire e di dichiarare nello spazio apposito del verbale di contravvenzione al codice della strada, che tipo di documentazione o di istruzioni all’autista, vi sia a bordo del mezzo. In questo modo si dovrebbe evitare la sanzione di cui alla responsabilità condivisa senza dover ricorrere sempre alla autorità giudiziaria. L’articolo 8 del dlgs 286/2005 stabilisce che in caso di mancata esibizione del contratto di trasporto e qualora sia presente a bordo del veicolo una dichiarazione sottoscritta dal committente o dal vettore che ne attesti l’esistenza, l’autorità competente entro 15 giorni dalla contestazione della violazione richiede ai soggetti interessati (vettore, committente, caricatore, proprietario della merce) la presentazione entro 30 giorni dalla notifica della richiesta di copia del contratto in forma scritta. L’ autorità applicherà le sanzioni amministrative solo in caso di accertata responsabilità dei soggetti,  oppure in caso di mancata presentazione della documentazione richiesta. Nello specifico il contratto scritto rispetto alle mere istruzioni scritte per l’esecuzione del servizio all’autista fornisce ulteriori elementi di tutela. Infatti nell’accordo quadro  tra cliente committente e vettore e  tra subcommitente e subvettore si possono rendere ancora più chiare le istruzioni compatibili con la normativa sulla sicurezza e prevedere espressamente penali, clausole di risoluzione del contratto, risarcimenti e rimborsi delle spese e dei danni conseguenti alla mancata loro osservanza, anche con riferimento alla omessa esibizione della documentazione di legge alle autorità in caso di accertamento su strada. In questo modo l’operatore “virtuoso” potrà andare esente anche da ipotetiche sanzioni per fatti a lui non imputabili e che potrebbero coinvolgerlo per negligenza o imperizia di altri.
  • Se invece ci si vuole limitare ad avere a bordo del camion le istruzioni scritte per l’esecuzione del trasporto, queste possono essere specificate nel documento di trasporto, nel DDT o nella bolla di accompagnamento. Fondamentale però per l’efficacia e la validità ai fini ed effetti di legge delle  istruzioni scritte da parte della committente al vettore è che queste non siano codificate a priori in modo standardizzato e generico  ma siano calzanti a seconda della tipologia del trasporto effettuato. Infatti se sono standardizzate e generiche il rischio è che non vengano considerate efficaci e valide dalle autorità.
2020-02-27T09:14:45+00:00Categories: Diritto dei trasporti, Newsletter|