Covid 19. ….le modalità di svolgimento delle assemblee

2.04.2020

A fronte della necessità di limitare al massimo i contatti interpersonali durante l’emergenza epidemiologica il legislatore è intervenuto anche sul dettato normativo afferente lo svolgimento delle assemblee sociali. Nel Decreto Cura Italia all’art. 106, primo comma è stabilito che, a prescindere dalle disposizioni statutarie, le assemblee chiamate all’approvazione del bilancio nelle società di capitali possano intervenire entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio, invece che nel termine di centoventi giorni.

Nel comma successivo è stabilito, proprio per far fronte alla anticipata necessità di “distanziamento” interpersonale, che il partecipante alle assemblee (di tutte le società di capitali, delle società cooperative e mutue) possa intervenire con il proprio voto in via elettronica o per corrispondenza o attraverso mezzi di telecomunicazione, ciò indipendentemente dalle previsione statutarie. È altresì stabilito che l’assemblea possa avvenire anche esclusivamente mediante mezzi di comunicazione senza che si trovino nel medesimo luogo presidente e segretario (sempre che sia assicurata la possibilità di partecipare attivamente all’assemblea e sia assicurata la identificazione degli intervenuti)

Per le s.r.l. è altresì stabilito che “le società a responsabilità limitata possono, inoltre, consentire, anche in deroga a quanto previsto dall’articolo 2479, quarto comma, del codice civile e alle diverse disposizioni statutarie, che l’espressione del voto avvenga mediante consultazione scritta o per consenso espresso per iscritto”.

In relazione alle previsioni del citato art. 106 del Decreto Cura Italia la norma di chiusura prevede che le disposizioni sopra richiamate restino in vigore fino al 31/7/2020, lasciando aperta la porta a proroghe di detta data nel persistere del rischio sanitario collegato alla diffusione del Covid 19.